Noi /

Geoffroy Rondeau

Back

Bio

Geoffroy Rondeau si è formato come attore e ha debuttato al Théâtre la Cité Internationale con L'Opérette imaginaire di Valère Novarina per la regia di Jean Bellorini nel ruolo di Le Mortel.

Fedele alla compagnia Air de Lune, ha creato Tempête sous un Crâne al Théâtre du Soleil tratto da Les Misérables di Victor Hugo con il ruolo di Javert e Les Paroles Gelées tratto da Rabelais come artista associato al Théâtre National de Toulouse. Ha interpretato la signora Mitsü ne La Bonne âme du Setchuan di Brecht all'Odéon in

Ateliers Berthier. Contemporaneamente, con diversi team e registi, ha interpretato Shakespeare, Chekov, Genet, ma anche Copi, a cui è particolarmente affezionato, e ha lavorato con autori viventi come Christopher Shinn, Guillaume Barbot, Elisa Ghertman, Yann Reuzeau, ecc.

Ama gli spettacoli musicali e ha partecipato a spettacoli della Comédie Framboise, a un omaggio a Boby Lapointe all'Européen, a Bourvil, ecc. Interpreta e dirige spettacoli per il pubblico giovane che difendono la scrittura (Perrault con Peau d'âne, Maeterlinck con L'Oiseau Bleu, Geneviève Brisac con Je vois des choses que vous ne voyez pas). Attualmente in tournée con Trissotin ou Les Femmes Savantes di Molière, diretto da Macha Makeïeff nel ruolo di Trissotin, sta preparando la sua prossima creazione Alice vs Lewis per il Festival Internazionale di Avignone 2019 alla fabrique A, festival già sperimentato con I fratelli Karamazov nel 2017 alla cavea Boulbon nel ruolo di Ivan, il fratello intellettuale ateo.

Ha adattato e diretto L'âme humaine sous le socialisme nel 2018 "Uno spettacolo che lega tutti gli attributi di cui il teatro è maestro: creazione di immagini, recitazione, significato del testo e presenza musicale." (F. Arver, Les Inrockuptibles). Continua la sua formazione sotto forma di corsi di danza e canto, o tragici con Claude Degliame, più contemporaneo di Yves-Noël Genot, partecipa a laboratori di drammaturgia scenica e a corsi di sceneggiatura.

Al cinema lo si può vedere in Leur morale et la nôtre di Florence Quentin, Leila di Naydra Hayadi o in forme poetiche più contemporanee, ad esempio nel film Après le déluge del pittore e drammaturgo premio Nobel per la pace Gao Xingjia.

Noi

more

Palazzo Caprioli

lun 08 apr - dom 14 apr
lun

08

mar

09

mer

10

gio

11

ven

12

sab

13

dom

14

apr

13